venerdì 15 maggio 2009

Il pollo e il jerk :-)

Ogni settimana poche pagine di rivista fanno la mia felicità. Parlo della piccola rubrica dedicata alla cucina del Venerdì di La Repubblica e l'articolo gastronomico di D di Repubblica che esce il sabato. Oramai compro il quotidiano quasi solo per gli allegati! Beh... quelle paginette me le pregusto proprio, mi ci fiondo frenetica per entrare poi in una bolla spazio-temporale dove galleggio serafica tra foto e ricette. Grazie al Venerdì di poche settimane fa ho scoperto appunto l'esistenza del jerk. Si tratta di un modo tipicamente giamaicano di cucinare      
la carne (maiale e pollo, soprattutto) e il pesce alla griglia. La cottura viene preceduta dalla marinatura della carne in una salsa speziata, dolcina e molto molto piccante! 

Vi trascrivo la ricetta della salsa per la marinatura così com'è indicata dallo chef Kumalè. Ne viene fuori un bel po'... io, per 600 g di pollo ne ho usata meno della metà. Si può però conservare in frigorifero per qualche giorno oppure dimezzare le dosi!!!

pepe di Giamaica, 8 cucchiai
aglio, 3-4 spicchi
zucchero di canna, 8 cucchiai
salsa di soia, 1 cucchiaio
peperoncini piccanti freschi, 2-3
cipollotto primaverile, 1
timo secco, 1/2 cucchiaio
cannella in polvere, 1/2 cucchiaino
noce moscata in polvere, 1/4 cucchiaino
sale

pollo bio tagliato a pezzi, 600 g
olio evo

Lavare il cipollotto e i peperoncini. Frullare tutti gli ingredienti fino a ottenere una salsa omogenea. Spennellare i pezzi di carne con la salsa e lasciare marinare per alcune ore, anche tutta la notte, in frigorifero. 

A questo punto punto si può procedere con la tradizionale cottura sulla brace+all'aria aperta+al sole (spennellando la carne con la salsa durante la cottura) oppure con la versione urbanaserale che s'affida al forno. Com'è intuibile ho optato per la seconda e quindi: ho messo a marinare la carne all'ora di pranzo. La sera, tornata dal lavoro, ho acceso il forno a 200°, tirato fuori dal frigo la marinata, aggiunto un paio di cucchiai di olio, aggiustato di sale, mescolato bene, disposto il tutto su una teglia ricoperta di carta forno e infornato per 30-40 minuti.  

7 commenti:

twostella il giardino dei ciliegi ha detto...

... versione urbanaserale :-)))) sia come sia la marinatura deve essere una vera rivelazione! Proverò!

Wennycara ha detto...

:O
8 cucchiai di pepe O_O
ma... uhm... quanti sfami con queste dosi? io le vedo bene piatto unico per 3, dai si :) magari per una cena tra donne (mi suggerisce questo)!
simpaticissa, buon fine settimana!
wenny

Maya ha detto...

Che spettacolo questa ricetta.... la proverò di sicuro!
Anche se non so bene dove reperire il pepe Giamaica... qualche idea????

Adrenalina ha detto...

Io adoro le marinate, la carne poi diventa più succulenta e morbida!!
Questa non la conoscevo proprio veramente intrigante con quelle spezie!!
E per gli inserti nei giornali ti capisco benissimo, io compravo Grazia solo per le ricette, ma ultimamente non sono più tanto spettacolari :(
Meno male che ci siamo noi food blogger ahahaha

Giò ha detto...

molto particolare questa marinatura, piccante e dolcina...ora mi hai incuriosito a comprare l'inserto!

la frenk ha detto...

@twostella: con le marinature in precottura mi si è aperto un mondo!!! dal tofu alla carne ogni ingrediente acquista una ricchezza di sfumature di gusto davvero emozionante! :-)

@wennycara: infatti ne è venuta fuori una vagonata!!! con metà dose ottieni la quantità di salsa adatta per marinare 800-900 g di carne...
un bacio :-)

@maya: puoi sostituire con un buon pepe nero aromatico!

@adrenalina: ho un plico di fogli strappati dalle riviste in questione appeso proprio qui di fianco a me!!! se questa non è fissazione!!! ;-))
comunque anch'io oramai ho un debole per i fantastici food blogger :-)))))

@giò: a volte ci sono ricette davvero interessanti
:-))) ciao!

barbecue fan community ha detto...

Ciao la frenk
Complimenti per il blog innanzitutto... vorremmo saperne di più sul jerk food.. puoi aiutarci? C’è una ricetta originale giamaicana?